Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile

CENTRO RICERCHE TRISAIA

Laboratori e Impianti

In questa sezione sono presentati tutti i laboratori e gli impianti del Centro Ricerche ENEA Trisaia, che spaziano dalle agrobiotecnologie al trattamento rifiuti, dalla metrologia alle fonti rinnovabili. Si è tentato, per quanto possibile, di coniugare i contenuti scientifici con uno stile divulgativo per offrire pagine comprensibili ai vari e possibili utenti.

Stazione sperimentale per la conversione termochimica di rifiuti

Stazione sperimentale per la conversione termochimica di rifiuti

La stazione sperimentale per la conversione termochimica di rifiuti è finalizzata al recupero di materia ed energia dai rifiuti tramite processi di pirolisi/gassificazione/combustione.

Impianto pilota di digestione anaerobica ed upgrading Metano

Impianto pilota di digestione anaerobica ed upgrading Metano

Impianto di digestione anaerobica per il trattamento di sostanze organiche biodegradabili semisolidi con un contenuto in solidi anche pari al 20%, quali scarti animali, reflui zootecnici e FORSU

Impianto torcia al plasma per la sintesi di ceramici ad alto valore aggiunto

Impianto torcia al plasma per la sintesi di ceramici ad alto valore aggiunto

L’impianto produce materiali ceramici sub micronici come il carburo di silicio a partire da rifiuti: pneumatici a fine vita e vetro

 Impianto pilota di pirolisi a letto fisso

Impianto pilota di pirolisi a letto fisso

 L'impianto è attrezzato per il trattamento di scarti e residui di lavorazione di materiali compositi di fibre di carbonio rinforzate con resine epossidiche, attraverso una tecnologia a letto fisso con riscaldamento indiretto

 Impianto pilota di pirolisi a letto fisso

Impianto pilota di gassificazione a letto fluido

 L'impianto è attrezzato per il trattamento di scarti e residui di lavorazione di materiali compositi di fibre di carbonio rinforzate con resine epossidiche, attraverso una tecnologia a letto fisso con riscaldamento indiretto

Rilassometria NMR

La rilassometria NMR si basa sulla misura dei tempi di rilassamento magnetico dei nuclei in particolare dell’idrogeno. I tempi di rilassamento sono sensibili a diversi fattori chimico fisici ed in particolare alla dinamica e alla struttura dei nuclei dei materiali in cui sono inseriti.
Dalla misura dei tempi di rilassamento, e specialmente dalla loro distribuzione è possibile ricavare informazioni importanti. Nel caso di sistemi porosi contenenti un solvente è possibile collegare il rilassamento magnetico alla porosità ed alla tortuosità del sistema ed eventualmente valutare lo stato del liquido inibente in termini di legami con la struttura solida. Informazioni ottenute attraverso la rilassometria sono utili in diverse discipline quali le scienze dei materiali, il settore agroalimentare, e quello dei beni culturali.
A differenza dell’NMR ad alta risoluzione la riloassometria necessita di apparecchiature relativamente poco costose e soprattutto portatili. Ciò permette di eseguire analisi NMR in loco anche in ambienti di tipo industriale.